Funzionamento del sensore a doppia tecnologia

Molto spesso, quando si parla di antifurto per la casa, si fa riferimento ai tradizionali e classici sistemi di allarme dotati di un funzionamento molto semplice: una volte che il ladro attraversa i sensori – o, nel caso dei contatti magnetici applicati a porte e finestre, allontana questi contatti – l’antifurto inizia a suonare e, una volta attivato, intraprende il suo cammino di protezione della casa (e di ciò che è al suo interno).

Tuttavia, bisogna sottolineare che non tutti i sistemi di allarme sono composti nello stesso modo: vi sono, ad esempio, antifurti a tecnologia ad infrarossi, che leggono il calore a distanza e quindi individuano l’eventuale presenza di un ladro o di un intruso all’interno della casa, e sono sicuramente i tipi di sistema di allarme più diffusi. Accanto ad essi, possiamo poi ricordare anche altri tipi di antifurto, come quello che funziona per mezzo di sensore a doppia tecnologia: cosa significa tutto ciò?

Quando si parla di sensore a doppia tecnologia si fa riferimento per lo più ad infrarossi e microonde: due tecnologie che, se associate, possono garantire ancora una più elevata affidabilità per quel che riguarda protezione e sicurezza.

Si tratta di un tipo di antifurto sicuro? La risposta è sì: infatti, un sistema di allarme dotato di queste due componenti fondamentali sfrutta due tecnologie e garantisce una maggiore sicurezza dell’antifurto. Grazie alla tecnologia degli infrarossi, come è noto, si captano le variazioni di calore permettendo così di individuare cambiamenti che potrebbero mettere in allarme.

Infatti, nella zona controllata ed oggetto di controllo del sistema di allarme, se un corpo estraneo come un essere umano (un ladro o un intruso in questo senso) attraversa il punto di controllo, il sensore rileva la sua presenza e, confrontando le due diverse temperature (quella dell’ambiente e quella del corpo) invia un segnale di allarme che fa scattare il meccanismo di protezione.

Allo stesso modo, la presenza di una tecnologia microonde consente di sfruttare le onde elettromagnetiche ad elevata frequenza per controllare l’eventuale cambiamento di onde e di energie all’interno della stanza: laddove venga registrato un cambiamento di qualunque tipo, il sensore microonde registra la differenza e segnala l’anomalia.

Questo tipo di antifurto con sensore a doppia tecnologia è abbastanza avanzato e sicuro, e consente di ottenere il massimo controllo grazie ad un’affidabilità maggiore: in questo modo, si eliminano anche i falsi allarmi (da non dimenticare anche l’opportunità di rendere immune il sensore al passaggio degli animali).

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*